Alcune raffigurazioni artistiche mostrano quella che sembra essere una meteora luminosa o "stella cadente". Ma si tratta di fenomeni destinati a durare solo pochi secondi e che possono verificarsi in qualsiasi momento. Sicuramente troppo comuni e frequenti da far pensare a un Messia. 

Anticamente, solo i cinesi e i coreani tenevano un registro astronomico, e proprio da lì sappiamo dell’esistenza di alcune comete, forse cinque, che sabbierò apparse intorno all’anno 4 aC (ricordiamoci che a causa di un errore di un frate, si pensava che la nascita di Gesù fosse di almeno 4 anni più tardi di quanto non fosse realmente, così oggi stimiamo che l’evento sia avvenuto non più tardi del 4 Ac). Ma le comete erano generalmente considerate come presagi di malaugurio da parte dei cinesi e, probabilmente, anche da parte dei magi-astrologi che il Nuovo Testamento chiama " saggi". Difficilmente insomma avrebbero seguito una cometa pensando a un evento tanto importante. 

Un'altra possibilità è che la Stella di Natale fosse una nova o una supernova, come quella registrata dai cinesi nella primavera del 5 aC che fu vista per più di 2 mesi. Tuttavia, la sua posizione nella costellazione del Capricorno non avrebbe condotto gli uomini in quella direzione.

Per alcuni, la stella non era affatto una stella, ma la congiunzione di Giove con altri due pianeti, Saturno e Marte. Gli astronomi hanno calcolato una serie di congiunzioni nel 6 e nel 5 a. C., che si sarebbero verificate nella costellazione dei Pesci, detto da alcuni come il "segno degli ebrei". Forse per questo il Pesce divenne uno dei primi simboli cristiani (dobbiamo però ricordare che le lettere che formano la parola “pesce” in greco, quando scritte in maiuscolo ΙΧΘΥΣ, formano un acronimo con le iniziali dell’espressione “Iēsous Christos Theou Yios Sōtēr“, che significa “Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore” (in greco antico Ἰησοῦς Χριστός, Θεοῦ ͑Υιός, Σωτήρ). 

L’ipotesi più accreditata è quella secondo la quale i Re Magi calcolarono la levata eliaca (ovvero il punto in cui una stella appare all'orizzonte al suo sorgere) della stella Sirio, la ''stella Mastra'' che nell'esoterismo è vista come ''stella dell'iniziazione''. Il fatto che in quel momento la levata fosse in asse con il Sole e le tre stelle della Cintura di Orione (che vengono anche chiamate Re Magi) fece loro pensare che un Messia sarebbe giunto a portare luce. Iniziava l’era dei Pesci, l’era cristiana. 

"/>
Astrologia - Attualità

Quale stella segno' la nascita di Cristo?

La stella di Betlemme, che oggi chiamiamo “stella di Natale”, è uno dei più frequenti simboli della festa della natività. Il tutto ha origine dal racconto dei re Magi, che sarebbero stati guidati da una stella nel loro cammino verso il Messia. 

Nel Vangelo di Matteo si menziona infatti questa stella:

Udite le parole del re, essi partirono. Ed ecco la stella, che avevano visto nel suo sorgere, li precedeva, finché giunse e si fermò sopra il luogo dove si trovava il bambino. 

Per chiunque voglia accettare solo il senso letterale delle Scritture consideri che la Stella di Betlemme non sarebbe stato un fenomeno naturale, semplicemente perché nessun oggetto celeste si muoveva in quel modo. 

Ma se invece concedessimo all'autore di Matteo - che sicuramente non fu testimone oculare della Natività - una piccola licenza filosofica e simbolica, la "stella" potrebbe non essere apparsa nel modo descritto. In tal caso dobbiamo considerare alcune possibilità naturali e astronomiche. In effetti, c'è qualche incertezza sull'uso della parola "stella" nel manoscritto greco, secondo alcuni la parola avrebbe potuto significare o implicare un oggetto diverso da una stella vera e propria, una di quelle che brillano in cielo di notte. 

Alcune raffigurazioni artistiche mostrano quella che sembra essere una meteora luminosa o "stella cadente". Ma si tratta di fenomeni destinati a durare solo pochi secondi e che possono verificarsi in qualsiasi momento. Sicuramente troppo comuni e frequenti da far pensare a un Messia. 

Anticamente, solo i cinesi e i coreani tenevano un registro astronomico, e proprio da lì sappiamo dell’esistenza di alcune comete, forse cinque, che sabbierò apparse intorno all’anno 4 aC (ricordiamoci che a causa di un errore di un frate, si pensava che la nascita di Gesù fosse di almeno 4 anni più tardi di quanto non fosse realmente, così oggi stimiamo che l’evento sia avvenuto non più tardi del 4 Ac). Ma le comete erano generalmente considerate come presagi di malaugurio da parte dei cinesi e, probabilmente, anche da parte dei magi-astrologi che il Nuovo Testamento chiama " saggi". Difficilmente insomma avrebbero seguito una cometa pensando a un evento tanto importante. 

Un'altra possibilità è che la Stella di Natale fosse una nova o una supernova, come quella registrata dai cinesi nella primavera del 5 aC che fu vista per più di 2 mesi. Tuttavia, la sua posizione nella costellazione del Capricorno non avrebbe condotto gli uomini in quella direzione.

Per alcuni, la stella non era affatto una stella, ma la congiunzione di Giove con altri due pianeti, Saturno e Marte. Gli astronomi hanno calcolato una serie di congiunzioni nel 6 e nel 5 a. C., che si sarebbero verificate nella costellazione dei Pesci, detto da alcuni come il "segno degli ebrei". Forse per questo il Pesce divenne uno dei primi simboli cristiani (dobbiamo però ricordare che le lettere che formano la parola “pesce” in greco, quando scritte in maiuscolo ΙΧΘΥΣ, formano un acronimo con le iniziali dell’espressione “Iēsous Christos Theou Yios Sōtēr“, che significa “Gesù Cristo, Figlio di Dio, Salvatore” (in greco antico Ἰησοῦς Χριστός, Θεοῦ ͑Υιός, Σωτήρ). 

L’ipotesi più accreditata è quella secondo la quale i Re Magi calcolarono la levata eliaca (ovvero il punto in cui una stella appare all'orizzonte al suo sorgere) della stella Sirio, la ''stella Mastra'' che nell'esoterismo è vista come ''stella dell'iniziazione''. Il fatto che in quel momento la levata fosse in asse con il Sole e le tre stelle della Cintura di Orione (che vengono anche chiamate Re Magi) fece loro pensare che un Messia sarebbe giunto a portare luce. Iniziava l’era dei Pesci, l’era cristiana. 

Tag
mitologia | Architettura | Astronomia | Stelle Fisse | Simbologia | Pittura | Mistero | Letteratura | Filosofia | Fantasia | Curiosità |
Torna all'elenco
Vedi tutti gli approfondimenti di Marzo 2019
Ti potrebbe interessare anche...

Cosa comportano due pleniluni consecutivi in Bilancia?

Sappiamo che mese solare e mese lunare non coincidono, perché mentre il primo dura dai 28 ai 31 giorni, quello lunare ha una durata di 29 giorni...

Curiosità astronomiche (e relative alla Pasqua) della Super Luna Piena di primavera

Tra il 20 e il 21 marzo, avremo la prima Luna Piena di primavera per l'emisfero settentrionale (nonché la prima Luna Piena d'autunno per l'emisfero...

Curiosita' astronomiche relative all'equinozio di primavera

Il 20 marzo, esattamente alle 22.58 ora italiana, avrà inizio la primavera grazie al fenomeno dell’equinozio. Ovvero quel momento speciale...

Archivio
Calcolo della Luna

La Luna rappresenta la nostra componente emotiva, i nostri umori, la nostra parte più intima e fragile, gli affetti, gli istinti. La Luna governa il segno del Cancro.

Scopri di più
Tema Natale

Attenzione: se si è nati in un giorno in cui vigeva l'ora legale è necessario sottrarre un'ora al momento della nascita.

Bioritmo lunare

La nostra esistenza è influenzata da precisi cicli biologici chiamati anche bioritmi. E la Luna, grazie ai suoi frequenti cambiamenti, può sicuramente influire su di essi. Ecco una guida per scoprire le probabili energie e gli umori del mese.

Scopri di più
Calcolo Ascendente

Ascendere, alzarsi, sorgere: l’Ascendente è il grado zodiacale che sorge a Est nel momento esatto della nostra nascita. Secondo l’astrologia antica (che è la bussola di Astrologando) è fondamentale perché rappresenta tutto ciò che nell’istante della nostra nascita viene al mondo.

Calcola