Alla fine, lo studio DES ha confermato la scoperta di ben 316 TNO, di questi 145 sono nuovi oggetti, mai scoperti prima. I TNO vanno da 30 a 90 volte la distanza della Terra dal Sole (pensate che Plutone, il più noto TNO, è 40 volte quella distanza).

Trovare complessivamente oltre 300 TNO è stato pazzesco, impressionante, soprattutto per uno studio che non era nemmeno destinato a trovarli come obiettivo principale. Ma il vero scopo degli scienziati ora è quello di trovare il tanto desiderato Planet Nine, un ipotetico pianeta gigante delle dimensioni di Nettuno che potrebbe orbitare attorno al Sole ma negli estremi margini esterni del sistema stellare, molto più lontano di Plutone. Studiando le orbite di ulteriori TNO appena trovati, i ricercatori potrebbero finalmente essere in grado di determinare la posizione del Pianeta Nove, se davvero esiste.

"/>
Astrologia - Attualità

Oltre 300 oggetti Transnettuniani: esiste il pianeta nove?

Che cosa sono gli oggetti “transnettuniani” che gli scienziati chiamano TNO? Sono corpi celesti che vagano nelle fredde zone più esterne del nostro sistema solare, oltre Nettuno, impiegando centinaia di anni per completare un’orbita attorno al Sole. Recenti studi li stimano in un numero di circa 70.000, ciascuno dei quali avrebbe un diametro di circa 100 km. In marzo, gli astronomi dell'Università della Pennsylvania hanno annunciato di aver individuato con successo oltre 100 nuovi TNO e, come per tutti i pianeti, le lune e i pianeti minori del nostro sistema solare, ognuno di questi piccoli mondi sarà sicuramente unico. Il nuovo studio delinea anche un nuovo approccio per scoprire altri mondi lontani.

I risultati provengono dai dati ottenuti dal Dark Energy Survey (DES), che ha appena completato sei anni di osservazioni. L'obiettivo di DES, come suggerisce il nome, è studiare l'energia oscura, ma si è incidentalmente rivelato un buon sistema per trovare TNO oltre l’orbita di Nettuno. DES in genere esamina galassie e supernove, quindi i ricercatori dovevano escogitare un nuovo sistema per tenere la traccia dei movimenti di oggetti molto più piccoli e vicini.

Le immagini dei primi quattro anni di dati DES contenevano circa 7 miliardi di "punti", tutti i possibili oggetti rilevabili dal software DES. Ma molti di questi sarebbero errori di dati o oggetti più grandi come stelle, supernova o galassie, che in realtà sono molto più lontani. Sono così stati rimossi tutti gli oggetti che erano visibili nelle stesse posizioni in più notti, restringendo l'elenco a circa 22 milioni di candidati. Quindi si sono osservati quegli oggetti per vedere se qualcuno di loro formava coppie o terzine.

Alla fine, lo studio DES ha confermato la scoperta di ben 316 TNO, di questi 145 sono nuovi oggetti, mai scoperti prima. I TNO vanno da 30 a 90 volte la distanza della Terra dal Sole (pensate che Plutone, il più noto TNO, è 40 volte quella distanza).

Trovare complessivamente oltre 300 TNO è stato pazzesco, impressionante, soprattutto per uno studio che non era nemmeno destinato a trovarli come obiettivo principale. Ma il vero scopo degli scienziati ora è quello di trovare il tanto desiderato Planet Nine, un ipotetico pianeta gigante delle dimensioni di Nettuno che potrebbe orbitare attorno al Sole ma negli estremi margini esterni del sistema stellare, molto più lontano di Plutone. Studiando le orbite di ulteriori TNO appena trovati, i ricercatori potrebbero finalmente essere in grado di determinare la posizione del Pianeta Nove, se davvero esiste.

Tag
Astronomia | Spettacolo | Mistero | Curiosità |
Torna all'elenco
Vedi tutti gli approfondimenti di Maggio 2020
Ti potrebbe interessare anche...

Un'estate fatta apposta per ammirare Giove e Saturno

Astronomi e astrologi usano la parola congiunzione per descrivere le unioni (apparenti) di pianeti e di altri oggetti nella sfera celeste. Usano cioè...

La pietra di giugno: la perla.

Diversamente dalla maggior parte delle pietre preziose che si trovano nel sottosuolo, le perle hanno un'origine organica. Esse nascono all'interno delle...

Mercurio e le sue lunghe soste nei segni d’acqua

Mercurio è un pianeta rapido, veloce. Curiosamente però, anche nel corso del 2020, Mercurio compie 3 lunghe soste nei segni d’acqua....

Archivio
Calcolo della Luna

La Luna rappresenta la nostra componente emotiva, i nostri umori, la nostra parte più intima e fragile, gli affetti, gli istinti. La Luna governa il segno del Cancro.

Scopri di più
Tema Natale

Attenzione: se si è nati in un giorno in cui vigeva l'ora legale è necessario sottrarre un'ora al momento della nascita.

Bioritmo lunare

La nostra esistenza è influenzata da precisi cicli biologici chiamati anche bioritmi. E la Luna, grazie ai suoi frequenti cambiamenti, può sicuramente influire su di essi. Ecco una guida per scoprire le probabili energie e gli umori del mese.

Scopri di più
Calcolo Ascendente

Ascendere, alzarsi, sorgere: l’Ascendente è il grado zodiacale che sorge a Est nel momento esatto della nostra nascita. Secondo l’astrologia antica (che è la bussola di Astrologando) è fondamentale perché rappresenta tutto ciò che nell’istante della nostra nascita viene al mondo.

Calcola